Dopo un periodo di stasi, bloccato da impegni quotidiani lavorativi e non, sono riuscito a ricavarmi un piccolo spazio scacchistico notturno. L’occasione era come al solito alla cadrega…

(vera fucina per allenamenti, test di aperture e prove tecniche in attesa (e nella speranza) di mettere tutto in pratica in tornei ufficiali. Questa volta eravamo solo in cinque a contenderci gli ambiti premi (oltre la gloria)
* Lissandrello Luca (io)
* Pierino (in realtà Pier D’Amato, un Candidato maestro Fide, ma detto Pierino per non confonderlo con Pier il gestore della cadrega)
* Vincenzo (buon organizzatore dei tornei di scacchi in mia sostituzione e 2° categoria nazionale)
* Straap (nick di battaglia per un appassionato di scacchi)
* Ninja (anche lui un appassionato di scacchi che, a poco a poco mette a frutto i consigli di Pier e Vincenzo)

Inizialmente su pensava di utilizzare la formula andata e ritorno con cadenza a 5′ ma poi si è optato con il girone unico a 15′.

Passando in rassegna tutte le mie partite posso definire…
1° turno vittoria chiara su Ninja
2° turno vittoria spettacolare su Straap
3° turno vittoria schiacciante sulla CaroKann di Vincenzo
1.  e4  -  c6
2.  d4  -  d5
3. Cc3  – Cf6
4.  e5  – Cd7
5. Cf3  -  c5
6. Cg4  – Cc6
7. Df3  – De7
8. Cb5  -  h6
9. Cc7+ – Rd8
10.Cxe6+- abb.
Vittoria in partita lampo con Pier (fuori torneo): inutile
4° turno sconfitta su Pierino: brutta (posizionalmente sempre sotto pressione, donna regalata e resa per bandierina caduta… uno sfacello)

Pierino Lissandrello Vincenzo Ninja Straap Punti
Pierino xxx 1 1 1 1 4
Lissandrello 0 xxx 1 1 1 3
Vincenzo 0 0 xxx 1 1 2
Ninja 0 0 0 xxx 1 1
Straap 0 0 0 0 xxx 0

Tirando le somme posso dire che tecnicamente ci sono, ma Pierino si conferma la mia bestia nera. A parte la mia vittoria in una manifestazione ufficiale, l’ho incontrato altre due volte in cadrega e ho sempre perso. Vendetta!